SCRITTURA CREATIVA


 

Laboratorio di scrittura creativa Scrivo anch’io

A cura dei professori

Irene Tendini e Max Gobbo

 

Scrivere narrativa non è cosa semplice. Ci vuole inventiva, fantasia e una buona padronanza della lingua italiana. Ma non basta, per realizzare storie avvincenti come quelle che state per leggere c’è bisogno d’altro. Occorre anzitutto mettersi in gioco, gettare il cuore oltre l’ostacolo e rimboccarsi le maniche. Perché scrivere comporta impegno, dedizione e una caparbietà a tutta prova. Non è mai facile, neppure per uno scrittore affermato confrontarsi con la pagina vuota, figuriamoci per degli adolescenti alle prese con il loro primo racconto. Si tratta indubbiamente d’una missione difficile, ma proprio per questo ancora più appassionante. Pur tuttavia come in qualunque altra attività umana, prima di dedicarsi a un dato compito è bene prepararsi alla bisogna. Da qui l’idea di creare un laboratorio di scrittura creativa, un luogo in cui gli alunni della nostra scuola potessero esercitarsi e impossessarsi dei trucchi dei grandi scrittori. I ragazzi e le ragazze che si sono cimentati in detto laboratorio hanno dimostrato tenacia, passione e amore per la letteratura. A loro va il nostro plauso e i nostri complimenti, poiché sono stati tutti molto bravi e hanno scritto cose pregevoli. Ed eccoci giunti al momento più atteso, quello in cui potrete leggere i tre racconti selezionati, ovvero (in ordine alfabetico): La figlia del fuoco di Giulia di Clemente (classe 2F), Alice e Lucky di Caterina Saccucci (classe 2A) e L’ultimo fiore del Novellista di Anastasia Zhitnikova (classe 2F).

 In allegato i tre racconti selezionati 

 

Anastasia Zhitnikova, L'ultimo fiore del Novellista (2).pdf
Caterina Saccucci, Alice e Lucky.pdf
Giulia Di Clemente, La figlia del Fuoco.pdf